Seminari - Corsi - Articoli di interesse

Quante volte vi siete trovati ad affrontare una materia a voi sconosciuta? Quante volte avete dovuto chiedere aiuto ad un avvocato "specializzato" nella singola materia? Quante volte avete ricevuto telefonate di altri colleghi che vi hanno chiesto un consulto (anche a pagamento) per la vostra specializzazione? Quante volte avete chiesto il pagamento della consulenza al cliente?

Sono certo che queste ultime domande vi hanno creato non poco imbarazzo...

Non scoraggiatevi e proseguite nella lettura. Se, invece, fate parte di quella piccola schiera che ha risposto in maniera positiva allora proseguite comunque nella lettura perchè potreste trovare degli spunti interessanti oppure potreste suggerirci qualcosa per migliorare questo articolo.

Ora vi racconto una storia...

Quando abbiamo iniziato la collaborazione con il primo studio legale (composto all'epoca da un unico e solo avvocato) abbiamo provato ad affrontare immediatamente alcune questioni basilari. Innanzitutto la specializzazione.

Le competenze erano vaste, forse fin troppo. Un avvocato "generalista" affronta diversi problemi al giorno e quasi mai riesce ad identificare un insieme omogeneo di problematiche che possano costituire il proprio "core business". Molti professionisti, infatti, a termine della loro carriera non hanno ancora compreso in cosa sono specializzati :-) . Sia chiaro che per specializzazione non intendiamo diritto civile o diritto penale o ancora diritto amministrativo. Intendo una particolare nicchia nell'ambito del diritto civile, del diritto penale o ancora del diritto amministrativo (solo per fare un esempio).

Per voler fare un confronto con un'altra categoria di professionisti, i medici, ognuno ha una propria specializzazione. Avete mai provato a chiedere ad un dermatologo di occuparsi di problemi articolari?

Per i professionisti, oggigiorno è la stessa cosa. Quanti di voi si sono trovati ad occuparsi di un qualcosa di cui fino al giorno precedente non ne conoscevano nemmeno l'esistenza?

Faticoso.... e poco gratificante. Non trovate?

A questo punto occorre farsi una domanda:

Perchè oggi la specializzazione diventa un "must"? Perchè in una giungla fatta di diversi "competitors" risulta estremamente premiante riuscire a specializzarsi?

In primo luogo si diventa esperti di una determinata materia (conclusione ovvia!).

Ma non sono altrettanto ovvie le conseguenze, vediamole nel dettaglio: innanzitutto una minore perdita di tempo nell'affrontare il problema; maggiore padronanza e maggiore garanzia per il cliente; possibilità di diventare dei punti di riferimento per la specifica materia e non ultimo.... gratificazioni sia professionali che economiche.

Pensate... potrete riuscire addirittura a farvi pagare per una consulenza.

La specializzazione ha ovviamente un costo economico per formare la propria identità ma è pur vero che la formazione per un avvocato o professionista oggi è obbligatoria.

A questo punto perchè non approfittarne?

Altra questione è specializzarsi in una materia (o ancor meglio una nicchia) che piace. Purtroppo non sempre può essere gratificante da un punto di vista professionale, ma su questo possiamo discuterne in un altro articolo....

Vediamo un caso pratico.

C'è un errore comune che attanaglia i nostri clienti:

E' inutile specializzarsi in qualcosa che probabilmente non ci darà alcuna soddisfazione. Meglio sfruttare le energie e concentrarsi su qualcosa di tangibile anche e soprattutto in relazione al nostro portafoglio clienti.

Qualcuno può obiettare che non sarà sufficiente per arrivare a fine mese....

Vero è il contrario! Se la specializzazione arriva ad un livello estremo combinandole con una precisa identità social al fine di generare la fiducia e la reputazione sia sul web e trasfonderlo nei clienti ecco che avremo la nostra specializzazione e a questo punto potremo organizzare corsi, condurre seminari e addirittura potremmo essere chiamati anche da altri colleghi per via della nostra specializzazione.

Quando siamo partiti con alcuni clienti, molto scettici, li abbiamo rassicurati sul fatto che il fatturato nel giro di qualche anno avrebbe raggiunto numeri a 6 cifre.

Abbiamo fatto una scommessa.

Al terzo anno l'abbiamo vinta ;-)

Il primo consiglio di oggi per "sopravvivere" prima e "vivere" poi è quella di Specializzarsi.

Ovviamente ciascuno avrà la propria storia ed il proprio settore così come la propria indole ma il concetto è chiaro. Specializzarsi.

Se vi è piaciuto o se l'articolo vi è stato utile condividi oppure inviaci un tuo commento.

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

A cosa serve un sito web per un professionista